giovedì 23 maggio 2013

Il Grande Baz.


Non vado per il sottile e ve lo dico fin da ora, questo film per me è stato perfetto.
Sono consapevole che persone di gran lunga più competenti della sottoscritta lo hanno criticato e che tra chi lo ha visto vi è una netta divergenza fra chi lo ha amato e chi lo ha odiato, azzardo a dire fra chi ha letto il libro e chi no. Azzardo perchè mai prima d'ora, nella mia personale e ristretta visione, un film era mai stato tanto ligio al dovere di trasporre un libro. Noi lettori siamo sempre così smodatamente pignoli che, quando un film adatta un romanzo per l'occhio dello spettatore ignaro, ne facciamo sempre una questione personale. Questo non è assolutamente il caso, semmai l'opposto. Credo che la pressione di dover adattare un romanzo tanto osannato dagli americani si sia tradotta in una traslazione tanto particolareggiata e godibile per chi ha assaporato il romanzo di Fitzgerald quanto infinita e noiosa per chi invece non lo ha fatto.

C'è poi la scelta del cast, che dire su di loro? Incredibili dal primo all'ultimo. E non parlo solo della Mulligan che già figurava tra le mie attrici preferite, ma addirittura di Tobey Maguire, che invece non ho mai particolarmente apprezzato. Jordan, Gatsby, Daisy, Tom, tutti personaggi così perfettamente riconoscibili nell'essere esattamente come dovevano.
A costo di apparire pedissequa e ridondante (:P) ripeto: secondo me chi si aspettava qualcosa di diverso, non ha letto o non ha colto l'essenza del romanzo. Che sotto la superficie patinata cela un'angoscia che deriva non tanto dalle morti violente ma dalla spiazzante consapevolezza che il dolore peggiore, quello che ti logora lentamente ma inesorabilmente, può derivare da un sentimento tanto frainteso quanto osannato, tale è l'amore romantico.

La ricchezza di particolari, l'esatta trasposizione dei dialoghi e delle considerazioni di Nick, forse non hanno fatto tribolare il cuore di chi non conosceva Il Grande Gatsby. Io invece mi sono commossa, per la bellezza del film che trascende gli effetti scenici e le location lussureggianti, e alla fine assieme a James Gatz mi sono ritrovata ad allungare ancora una volta, ancora di più le braccia verso l'agognata luce verde.

« Così continuiamo a remare, barche contro corrente, risospinti senza posa nel passato. »

8 commenti:

  1. Il cast per me era azzeccatissimo, se devo essere proprio pignola non vedevo un gran feeling tra la Mulligan e Di Caprio però erano tutti molto bravi.
    Visivamente il film senza dubbio colpisce, ma in alcuni momenti mi ha dato la sensazione di essere più apparenza che sostanza come film, non so come spiegarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà ma lo sai che questa sensazione di cui parli a me l'ha lasciata anche il libro? :S

      Elimina
    2. Questo può essere sai? Il libro ti dirò a me non è piaciuto, non sono riuscita proprio a comprenderne a pieno l'essenza o ad entrare in contatto con i personaggi u,u

      Elimina
    3. A me ha lasciato addosso una strana sensazione, di certo è diverso da qualsiasi altro libro abbia letto. Infatti aspettavo con ansia il film per chiudere il cerchio con le atmosfere delineate da Fitzgerald. Ci ho messo un po' per "metabolizzarlo" e il film si è rivelato utile allo scopo. :P

      Elimina
  2. La mia pecca è di non aver letto ancora il romanzo, eh sì mea culpa!
    Io AAAMOOO la regia di Buz! Tutti i suoi film sono così romanticamente tragici che non puoi non amarli! Ma... perchè non hai citato Leo?! Piango, sàh! :D
    Smack
    Ps. anche io ho fatto un post sul film ;-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il film ti è piaciuto non credo sia un problema, puoi sempre recuperarlo il libro. Però se il film non piace secondo me è perchè non lo si "guarda" dalla prospettiva del libro. Opinione personalissima eh! ;P
      Hai ragione Gin ma non ho citato Leo perchè che potrei dire che non sia stato mai detto? E' bello e bravo!!! :D *sbav*

      Elimina
  3. Mah, per me è stata una delusione abnorme invece. Come dicevo nella mia recensione, l'ho trovato una fotocopia di Mouline Rouge dal primo istante e questo ha sfumato ogni altra sensazione. Abbastanza fedele al romanzo (anche se Nick Carraway al centro psichiatrico non si può vedere!!), ma senza lo spirito del libro. Un carrozzone di lustrini, troppi anche per me che ho sempre amato Baz!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...